Trekking delle 5 Torri – 10 buoni motivi per farlo!

 

cartello-5-torri_mini

Una lunga fila di mille camminatori. Questo è il numero dei partecipanti delle ultime edizioni.

Il cammino sul ” Sentiero delle 5 Torri “, un anello di oltre 30 km con partenza e arrivo da Monastero Bormida, splendido paesino della provincia di Asti a cavallo tra le Langhe e il Monferrato, è un evento assolutamente imperdibile. Quattordicesima edizione di un Trekking organizzato dal gruppo CAI di Acqui Terme coadiuvato dalla Pro Loco di Monastero Bormida.

Anni di lavoro per mappare e rendere fruibile in sicurezza un sentiero che collega 5 bellissime torri medioevali, sapientemente erette per il controllo del territorio.

Perchè Partecipare?

Il Paesaggio

colline-colorate-roccaverano_mini

Colline intersecate una all’altra.

Boschi e coltivi magicamente incastonati fra loro a formare un puzzle di colori disseminato qua e la da piccole caratteristiche costruzioni in pietra locale, in dialetto astigiano detti “ciabot”.

Le “Langhe”, termine con diverse definizioni  etimologiche, indica una zona geografica a sud del Piemonte conosciuta e apprezzata dagli amanti del buon cibo e ottimo vino. Un territorio dove la natura regna ancora sovrana e il tempo sembra essersi fermato.

La vita contadina caratterizza i piccoli paesi e le tipiche costruzioni in pietra locale che si integrano magicamente con il territorio creano uno stupefacente connubio.

Monastero Bormida, San Giorgio Sacarampi, Olmo Gentile, Roccaverano e la sua frazione Vengore saranno gli incredibili  luoghi del cammino di cui, ora,  non vi dirò nulla.

Vi meraviglierete strada facendo.

Camminare …un toccasana per il nostro fisico

fila-di-camminatori_mini

Non c’è migliore attività.

Sana, semplice, alla portata di tutti, adatta ad ogni età.

Il farlo in compagnia, condividendo un unico stile di vita, tessendo nuove amicizie, raccogliendo intense emozioni, darà alla vostra esperienza quel valore aggiunto che la renderà indelebile nel vostro cuore.

Il percorso nella sua totalità ha uno sviluppo di 30 km, una distanza che sommata all’altimetria dovrà essere affrontata dai più allenati. È prevista comunque un alternativa meno impegnativa per permettere anche ai meno allenati di poter far parte del lungo “serpentone” di persone desiderose di trascorrere una giornata a completo contatto con la natura.

La partenza del percorso “corto” sarà dal paese di San Giorgio e da lì, evitando il tratto più impegnativo, i km totali saranno 18.

Preparate gli scarponcini e controllate lo zainetto…domenica 8 Maggio è alle porte.

Essere parte di un grande gruppo e condividere una bella esperienza

dsci1146

Il gruppo trasmette energia, trascina, sostiene, ci dà sicurezza.

Questi tipi di eventi, altamente aggreganti, creano un coinvolgimento emotivo sensazionale e adrenalinico.

La lunga fila di camminatori che vedrai davanti a te sarà il tuo traino e, a tua volta, Tu sarai traino per chi ti seguirà. Una sorta di catena energetica positiva che ti darà sensazione di benessere e serenità.

Il gruppo sarà composto da diverse tipologie di “walkers”…podisti, famiglie con bambini (alcuni piccolissimi trasportati a spalla), gruppi di nordik walkers (i camminatori che usano le racchette), gruppi CAI provenienti da diverse regioni e tantissimi amici a quattro zampe.

Dunque non ti resta che presentarti alla partenza l’8 maggio a Monastero Bormida, iscriverti, ritirare il tuo personale Voucer ( ma di questo vi parlerò dopo…) e camminare condividendo emozioni.

Ancora meglio sará se coinvolgerai i tuoi amici…

Mettersi alla prova

dsci1155

Quale migliore occasione per farlo!

Raggiungere un obiettivo, qualunque esso sia, accresce la nostra autostima, condizione necessaria per ricaricare animo e fisico.

Non posso assolutamente dirvi che il “Giro delle 5 Torri” sia una camminata facile, ma posso suggerirvi la possibilità di scegliere il percorso corto e con un po di determinazione raggiungerete il traguardo.

Dunque scegliete l’itinerario adatto a voi, preparate l’attrezzatura, caricate le “batterie” e…unitevi al gruppo.

L’organizzazione

10982749_420163764821524_5205492405875744862_n

Anni di lavoro e una continua manutenzione per creare e rendere fruibile in modo permanente un’ itinerario di rara bellezza.

I componenti del  CAI di Acqui Terme, artefici dell’ immenso lavoro, hanno reso praticabile questo importante anello di 30 km segnalandolo perfettamente sia con losanghe di colore giallo che con paletti verticali posizionati negli incroci principali.

Negli ultimi anni sono stati aggiunti ad integrazione della già abbondante segnaletica, loghi di colore rosso e  bianco per i tratti scorrevoli e una torre stilizzata in plastica bianca per le deviazioni più importanti.

Oltre a questo importante lavoro per la tracciatura va ricordato il notevole dispendio di energie per la gestione delle emergenze, la sicurezza sul percorso e l’organizzazione dei punti di ristoro  (quattro sull’ itinerario) dove sarà possibile rifocillarsi con bibite, panini, marmellate, uva passa e perché no…un buon bicchiere di vino.

Sicuramente lo saprete ma mi fa piacere comunque ricordare che tutto questo lavoro è opera di volontari. Persone che dedicano il loro tempo libero per valorizzare e condividere la bellezza paesaggistica che li circonda.

Quale miglior modo per ringraziare se non quello di partecipare?

La polenta finale

11057859_420163738154860_771822737351693449_n

Il piatto tipico di Monastero Bormida è proprio la polenta.

Ogni anno la seconda domenica di marzo dal lontano 1573, la piazza medioevale antistante il castello è teatro della Sagra del Polentone. Una bellissima rievocazione storica con centinaia di figuranti in costume che termina con lo scodellamento  di una enorme polenta.

Proprio questo tipico piatto sarà servito nel caratteristico cortile all’interno del Catello appena terminata la camminata. Cibo semplice ma sostanzioso, ottimo per recuperare le calorie bruciate camminando.

Dunque location perfetta per chiudere in bellezza la giornata.

Ricordate di non perdere il buono per il pranzo che vi verrà consegnato all atto dell’iscrizione.

L’attestato con i timbri…una bella soddisfazione!

voucer-5-torri-1

Io li ho conservati tutti!

Ad ogni torre è d’obbligo, a costo di aspettare in fila, ottenere il proprio timbro che attesterà il passaggio! Un rituale assolutamente da rispettare.  La certificazione di aver effettuato tutto il percorso…nel rispetto delle regole.

E poi quando torni a casa, con grande soddisfazione, lo conservi nella scatola dei ricordi, in attesa di mostrarlo alla fine di un pranzo natalizio quando attorno alla tavola si sfogliano le vecchie fotografie ormai ingiallite ma, aimè, vere testimoni del tempo passato.

Poter dire…io c’ero!

foto19_g-e1461960657857

Una gran belle soddisfazione!

Non importa come…se camminando , se correndo, se pedalando.

Non importa quanto…se il lungo, se il corto oppure solo una piccola parte.

L’importante è esserci!

Tornare a casa con il cuore “pieno di emozioni”

colline-colorate-roccaverano_mini

Emozioni indelebili che ti restano dentro.

Colori, sapori, scorci, suoni, silenzi…il calore del gruppo, la condivisione reciproca, la gioia e la soddisfazione.

Che dite …possono bastare?

Amare una volta di più questo bellissimo territorio

Le immagini sono meglio di tante parole…ammiratele.

vigneti-monferrato

Roccaverano (Asti) Langa Astigiana -Panorama

01foto-ipad-pinu-213-1

Annunci

Un bellissimo esempio di Bike Friendly!

Un bellissimo esempio di Bike Friendly!

IMG_0016Sabato 19 Marzo 2016, edizione nr 107 della Classicissima di Primavera “Milano-Sanremo“. Giornata stupenda, sole ottima temperatura e tanta tanta gente ad attendere il passaggio dei corridori. Il gruppo è in marcia dalla Lombardia verso il Piemonte. Ovada è gremita di persone, molte delle quali al lavoro per preparare un’incredibile accoglienza a questo atteso e sentito evento.

Transitando sul tracciato e oltrepassata la rotonda che immette sul lungo centrale Corso cittadino, immediatamente lo scenario diventa …multicolore.

Il colpo d’occhio è stupefacente!

Le piante ai lati della strada hanno il tronco avvolto da colorati tessuti appositamente preparati su misura e pazientemente calzati. Ma non solo! Vasi di fiori, cestini dell’immondizia e addirittura una  completa bicicletta.

Un gran lavoro durato mesi e mesi sapientemente fatto all’uncinetto  per rendere omaggio al Ciclismo Italiano.

La tecnica o meglio il movimento è quello dello Yarn Bombing o Yarn Storming, un tipo di graffitismo o arte da strada che impiega esposizioni colorate di filati a maglia o all’uncinetto. Insomma, “un bombardamento di filo  colorato, ecologico, morbido, social, diffuso in tutto il mondo, dagli USA all’Iran e ovviamente anche in Italia.” (Cit. Gruppo Banca del Tempo l’Idea)IMG_0010

Questa idea, diventata una vera e propria forma d’arte, nasce dalla proprietaria di un negozio di filati in Texas, che sconfortata dallo squallore della zona in cui viveva, decise nel 2005 di ricoprire di lana colorata la maniglia della sua porta.

Lo Yarn Bombing è diventato un movimento internazionale che colora le città “vestendole” con installazioni in lana e cotone. Si possono rivestire arredi urbani, statue, alberi e altro ancora che diventano manufatti artistici e, oltre ad abbellire, danno ai luoghi in cui sono installati un aspetto gioioso e colorato….e quella…, VI ASSICURO, è stata la sensazione che  ho provato  alla vista di quel fantastico lavoro.

IMG_0004

L’immensa opera, creata dai componenti dell’Associazione di promozione sociale Banca Del Tempo l’Idea di Ovada, tessendo pazientemente gomitoli e gomitoli di fili colorati, ha ottenuto un risultato veramente eccezionale. Un progetto nato alcuni mesi fa (mi raccontavano) e portato a termine grazie alla partecipazione di numerose esperte “sarte” accorse in aiuto che con grande generosità hanno donanto un po del loro …tempo.

Ore di lavoro dedicate per rendere omaggio all’Italia che pedala, al ciclismo che ancora entusiasma, alla storia di questo grande sport che oggi fa conoscere al mondo intero il nostro bellissimo territorio e con le sue emozioni  veicola  numerosissimi appassionati desiderosi di vivere, percorrere e gustare le dolci colline del Piemonte.

Un’emozionante testimonianza di come si può essere…semplicemente ma efficacemente Bike Friendly

La morfologia del Monferrato entusiasma e attrae gli appassionati ciclisti provenienti da tutto il mondo che da alcuni anni si affacciano alla scoperta di questo magnifico angolo di territorio, di questo dobbiamo esserne assolutamente consapevoli …valorizzandolo!

La condivisione delle informazioni, la collaborazione tra singoli e la convinzione di poter offrire un prodotto turistico altamente appetibile  devono essere le motivazioni trainanti per costituire una Rete di lavoro incisiva ed efficace.

C’è ancora molto da fare per offrire una degna accoglienza a questo popolo di slow-tourists a due ruote!

Le strutture ricettive, i percorsi, l’ospitalità, devono essere adeguate mettendo a disposizione alcuni semplici ma indispensabili servizi adatti alle esigenze di un turista che si muove utilizzando la bicicletta.

Dunque, spazi dedicati per il ricovero dei mezzi, attrezzature necessarie per eventuali manutenzioni, mappe, servizi guida ecc.

A questo proposito sta nascendo un interessante progetto per creare una rete di strutture che abbiano i giusti parametri per un efficiente ricettività, una nuova opportunità assolutamente da non perdere.

Spargete la voce!

Se vuoi avere qualche informazione su cosa fare per diventare una struttura Bike Friendly leggi >>QUI

 

Bike Friendly…si o no!

Bike Friendly…si o no!
DSC6037

Museo dei Campionissimi – Novi L.

Proseguono senza interruzione gli incontri organizzati da ALEXALA per la costituzione del primo gruppo di strutture Bike Friendly delle province di Alessandria e Asti.

Lo scorso Lunedì 14 Marzo presso il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure, alla presenza di numerose strutture ricettive, è stato nuovamente illustrato il progetto “Bike Friendly” corredandolo con un programma di sviluppo per la prossima stagione turistica 2017.

Continua a leggere

Un profumato angolo di Monferrato.Scoprire, in bicicletta, le eccellenze del territorio.

Un profumato angolo di Monferrato.Scoprire, in bicicletta, le eccellenze del territorio.

Questo gruppo era davvero eccezionale. Tutto iniziò improvvisamente e come per magia si trasformò in un indimenticabile giornata.
In vent’anni di attività ciclistica pensavo di aver conosciuto tutte le tipologie di bikers: dai racers super professionali ai tranquillissimi pedalatori della domenica…ma questa volta era diverso!
L’incontro avvenne in una mattina di mezza estate nell’area di ritrovo presso la nostra sede a Bubbio.

Cycling - Bike pronte per Tour

Cycling – Bike pronte per Tour

Le bici erano pronte, la temperatura ottima, il sole si faceva spazio tra una leggera foschia, il silenzio era pressoché totale; solo a tratti il fruscio delle foglie provocato dalla caduta delle nocciole mature attirava la mia attenzione. Continua a leggere

Rifugio Banca…Liberi di sognare!! Cronaca di un Trekking in Monferrato.

La nostra esperienza inizia all’alba di una giornata primaverile; siamo nel Monferrato sulle colline del Ponzonese.

Nulla era ancora deciso, anzi non avevamo assolutamente in mente che fare!

Dalla finestra della nostra carinissima e accogliente stanza da letto osserviamo lo stupendo panorama sulla valle. Una leggera foschia rende l’atmosfera fiabesca e la nostra mente inizia a sognare.

Trekking-Panorama sul Monferrato

Trekking-Panorama sul Monferrato

Sulle colline dalla parte opposta della valle notiamo una traccia che attraversa il bosco e prosegue oltre; incuriositi decidiamo di chiedere informazioni alla proprietaria dell’Agriturismo la quale, con molta precisione, ci indica un percorso per raggiungere una destinazione a suo dire …spettacolare! Continua a leggere

Torri vista Mare…99 scalini per 360 gradi di pura meraviglia!

Ore 8.00 del mattino, ricca colazione, tutto il necessario per affrontare una lunga camminata, zaino pronto dalla sera prima, scorta d’acqua indispensabile perché durante la prima ora di marcia non se ne trova, scarponcini e via …si parte!
Appuntamento con il gruppo alle 9.00 puntuali! …per arrivare lassù al paese ci vogliono almeno tre ore.
Minibus bianco in arrivo !! Eccoli sono loro: “Buonciorno ….esclamano divertiti con il classico accento nord europeo! Un breve scambio di impressioni sul Bike Day effettuato il giorno  prima e ci si mette in cammino.

Trekking-Gruppo in cammino

Trekking-Gruppo in cammino

Poche centinaia di metri su strada asfaltata, neanche il tempo di riscaldarsi le gambe e subito si imbocca il sentiero nel bosco : salita…ripida!

La prima parte di percorso è la più impegnativa, in alcuni tratti ci si deve aggrappare agli alberi che lo costeggiano per non scivolare. Un passaggio a mezza costa con vista sulla valle ti fa capire di aver guadagnato quota molto molto velocemente! Continua a leggere